• Home
  •  > Notizie
  •  > Cento. Morto a 64 anni il titolare dell’Enoteca Balboni. Nel 2018 perse la sorella

Cento. Morto a 64 anni il titolare dell’Enoteca Balboni. Nel 2018 perse la sorella

Una breve e fulminante malattia lo ha portato via a 64 anni

CENTO. A quasi due anni dalla scomparsa della sorella Betta Balboni, domenica scorsa è venuto a mancare, all’ospedale Sant’Anna di Cona dove era ricoverato, anche il fratello Sandro, 64 anni compiuti lo scorso aprile, titolare dell’Enoteca Balboni di via Ferrarese a Cento.

Una breve quanto fulminea malattia si portava via la sorella Betta a soli 56 anni lo scorso dicembre 2018. Proprio con lei Sandro gestiva l’enoteca di famiglia da diverse decine di anni. Un’azienda storica del territorio, quella dei Balboni, dapprima con il papà e poi con i due fratelli Betta e Sandro che, in meno di 24 mesi, perde dunque i propri gestori.

Carattere amichevole e grande lavoratore, estremamente competente nella difficile materia della vinificazione nonché grande conoscitore dei vini più pregiati, Sandro era ben voluto da tutti i clienti e amici che in tutti questi anni di attività avevano avuto modo di conoscerlo.

Il ricordo

«Con la sua grande esperienza era in grado di dispensare sempre il consiglio giusto - racconta un amico -; quando nelle occasioni speciali era necessario presentarsi con una bottiglia di prestigio, per fare bella figura: con i consigli di Sandro andavi sempre sul sicuro».

Il 64enne, purtroppo, ha dovuto arrendersi alla grave malattia che lo ha visto lottare come un leone per quasi due anni ma che, domenica sera, non gli ha lasciato scampo. Sandro Balboni lascia la figlia Simona, la nipote Giulia e l’anziana madre Ivana, la quale nel breve volgere di due anni, per un tragico destino, ha dovuto subire la perdita di entrambe i suoi figli.

Le esequie si terranno domani alle 16.30 nella chiesa della Beata Vergine della Rocca di Cento, poi l’ultimo viaggio di Balboni al cimitero locale. La famiglia chiede di fare opere di bene invece dei fiori. —

G.M.

© RIPRODUZIONE RISERVATA .

Pubblicato su La Nuova Ferrara