• Home
  •  > Notizie
  •  > Nel fosso col trattore Muore tre giorni dopo Domani i funerali

Nel fosso col trattore Muore tre giorni dopo Domani i funerali

ITALBA

Era finito nel fosso con il proprio trattore nei terreni di famiglia giovedì scorso, poi la corsa dei sanitari verso l’ospedale, l’intervento il giorno successivo, ma anche a causa di altre patologie domenica al Sant’Anna di Cona è morto Luciano Grigatti. Si tratta di un imprenditore agricolo di 68 anni, dell’omonima azienda agricola con sede a Italba, ma terreni sparsi nei Comuni di Codigoro e Mesola.

Il 68enne era particolarmente conosciuto in zona, anche perché aveva gestito fino a pochi mesi fa la macelleria in cui vendeva i propri prodotti (l’azienda è infatti dotata anche di una grande stalla con molti animali).

L’incidente è avvenuto giovedì, verso sera, quando Grigatti stava finendo la giornata di lavoro. Forse proprio a causa di un malore legato alle patologie di cui soffriva, il trattore con il 68enne a bordo si è rovesciato in un fosso. Immediata la richiesta dei soccorsi e il trasporto all’ospedale, mentre a Italba è arrivato anche il personale della Medicina del lavoro.

lì’ultimo saluto

«Una brava persona e un gran lavoratore, in tutti i paesi dove la famiglia Grigatti aveva terreni, Luciano era molto conosciuto e stimato». A parlare è un amico del 68enne, fra i primi a ricevere la notizia dell’improvvisa morte avvenuta domenica all’ospedale di Cona.

I funerali del 68enne sono previsti domani alle 16.30 nella chiesa parrocchiale di Pontelangorino. Grigatti lascia la moglie Gabriella, i figli Luca, Lucia e Francesco, il papà Raffaele (titolare dell’impresa agricola di famiglia con sede a Italba), i fratelli Guido e Giuliano, la nuora Debora, la cognata Edoarda, i nipoti Gloria, Elisa, Marika, Aurora, Gabriele e tutti gli altri parenti. Al termine della cerimonia funebre l’ultimo viaggio di Luciano verso il cimitero di Pontelangorino. I familiari al posto di fiori chiedono opere di bene. —

d.b.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicato su La Nuova Ferrara