• Home
  •  > Notizie
  •  > La comunità masese è in lutto per la storica commerciante

La comunità masese è in lutto per la storica commerciante

MASI TORELLO. Comunità masese in lutto per una delle storiche figure del paese, la commerciante Maria Teresa Bellinati, morta a 73 anni. Dire Maria Teresa a Masi significa dire una famiglia che da sempre ha avuto un ruolo centrale nella vita del paese. Perché se lei ha gestito per quarant’anni (dal 1980 al 2019 la profumeria, giocattoleria e cartolibreria in piazza al paese, prima ancora l’attività era portata avanti dai suoi genitori. E la famiglia Bellinati è sempre stata un riferimento per tutti a Masi, dal supporto economico alle feste del paese all’organizzazione pratica di molte feste, dalla fiera alle iniziative natalizie, dagli eventi in piazza a quelli per i bambini, dove Maria Teresa e il marito Franco erano sempre presenti.

Nata a Masi Torello, la 73enne ha sempre vissuto in paese, se si esclude una breve parentesi in Toscana (a Prato). Come detto, ha sempre gestito il negozio di famiglia in centro il paese, anche dopo aver raggiunto l’età pensionabile. E come lei è molto conosciuto il marito Franco Melillo, maresciallo dei carabinieri in pensione, a sua volta sempre presente nelle iniziative organizzate in paese.

Molti i messaggi di cordoglio arrivati in queste ore sia al marito della donna, che agli altri familiari.

IL RICORDO

«Maria Teresa era una bellissima persona e personalmente una grande amica, da sempre - racconta l’assessore del Comune di Masi Torello, Anna Maria Ballarini -. Lei c’era sempre, sia per chi aveva bisogno di prodotti nel suo negozio, penso in particolare ai libri per la scuola, sia per chi chiedeva un sostegno per una iniziativa del paese. Per Masi Torello questa è una gravissima perdita».

Oltre al marito Franco, la 73enne lascia la cugina Antonella, l’amata Giulia, Costantino e tutti gli altri parenti. L’ultimo saluto a Maria Teresa Bellinati sarà dato oggi, partendo con il corteo funebre alle 15 dall’ospedale Sant’Anna di Cona per la chiesa parrocchiale di Masi Torello, dove alle 15.30 sarà celebrata la santa messa. Poi l’ultimo viaggio per l’ara crematoria della Certosa di Ferrara. I familiari ringraziano in anticipo quanti parteciperanno alla cerimonia funebre, invitando i partecipanti a una collaborazione responsabile. Inoltre, per chi volesse omaggiare la loro cara non vengono chiesti fiori, ma opere di bene.

D.B.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicato su La Nuova Ferrara