• Home
  •  > Notizie
  •  > San Giovanni è in lutto per l'angelo Larissa, morta a tre anni

San Giovanni è in lutto per l'angelo Larissa, morta a tre anni

Mercoledì 18 maggio i funerali della bimba deceduta per una malattia

SAN GIOVANNI. Una notizia che nessuno vorrebbe mai sapere, una tragedia che nessuno vorrebbe mai vivere. Ieri i genitori hanno annunciato la dolorosa perdita di Larissa Bassi, bambina di soli tre anni morta sabato a causa di una malattia. Una tragedia che ha sconvolto l’intera comunità, basti pensare alla lunga scia di commenti apparsi ieri sui social con la pubblicazione dell’epigrafe. Sono stati centinaia i messaggi arrivati per salutare la piccolina e mandare un abbraccio virtuale ai genitori. “Non voglio neanche immaginare il vostro dolore, un dolce pensiero a Larissa e una carezza a te cara Lara”, scrive un’amica della madre. “Ciao tesoro fai buon viaggio, sarai sempre viva nei nostri pensieri” scrive un altro conoscente. “Nessun tipo di parola può alleviare la mancanza e il dolore della sua famiglia. Un abbraccio” un altro dei messaggi apparsi su Facebook.

La piccola Larissa lascia la mamma Lara, il papà Andrea, i nonni, i bisnonni, gli altri parenti, gli amici “e chi nel suo piccolo percorso di vita, l’ha conosciuta e amata” recita l’epigrafe scelta dai suoi genitori.

Già fissata la data per l’ultimo saluto, fissato per mercoledì mattina, partendo dalla camera mortuaria dell’ospedale San Camillo di Comacchio alle 9.30, per la chiesa parrocchiale di San Giovanni, dove alle 10 sarà celebrata la santa messa. Al termine della funzione religiosa, la piccola Larissa proseguirà per l’ultimo viaggio al Giardino della cremazione di Copparo. Le sue ceneri saranno successivamente tumulate nel cimitero di Lagosanto.

I genitori nel ringraziare quanti parteciperanno invitano chi vorrà ricordarla a non inviare fiori, ma sono graditissime donazioni all’associazione “M’Ama Affido e Adozione speciale” (Iban: IT 63Y 0623 002 808 0000 1508 9949, banca di appoggio - Crédit Agricole).

 

Pubblicato su La Nuova Ferrara