• Home
  •  > Notizie
  •  > Incidente in scooter Il 37enne di Anita morto in ambulanza

Incidente in scooter Il 37enne di Anita morto in ambulanza

Ferite gravissime, inutili soccorsi e corsa verso l’ospedale Era residente a Voghiera ma domiciliato nell’Argentano

ANITA. È morto sull’ambulanza che lo stava portando in ospedale, Costantin Iordache, 37 anni di nazionalità romeno, residente a Voghiera ma domiciliato ad Anita. L’uomo stava viaggiando a bordo del suo scooter, domenica pomeriggio in via nazionale Nord, quando all’incrocio con via Belvedere a Consandolo il 37enne ha perso il controllo del mezzo, facendo tutto da solo. Le sue condizioni sono risultate disperate fin da subito e i medici del 118 hanno fatto di tutto per tenerlo in vita ma il suo cuore ha smesso di battere poco prima dell’arrivo in ospedale. Iordache era residente a Voghiera, ma di recente aveva trasferito il domicilio ad Anita, dove abitava con alcuni amici. L’uomo non è sposato e non ha figli, la sua famiglia è in Romania. Dopo il lavoro passava le giornate con gli amici, con cui divideva la passione per la pesca. Dall’ospedale di Argenta la salma è stata trasferita all’ospedale Sant’Anna di Cona per l’autopsia e, molto probabilmente, appena la medicina legale darà il via, sarà riportata nel Paese d’origine. Gli amici stanno cercando in queste ore di contattare i parenti.

L’uomo non era molto conosciuto, né a Voghiera e né ad Anita, faceva poca vita sociale in paese e passava il tempo libero con i connazionali.

Come detto, l’incidente si è verificato domenica pomeriggio, verso le 17.30, ovvero qualche minuto prima che si scatenasse un violento temporale nell’Argentano. L’uomo a bordo dello scooter stava percorrendo la via Nazionale Nord (la vecchia statale 16) con direzione Benvignante. Superato il ristorante “Nonno Socrate”, nell’affrontare la semi-curva, forse a causa del forte vento, o anche per la prima pioggia compresi piccoli chicchi di grandine, il 37enne, anziché procedere sulla sua destra, è finito dalla parte opposta, finendo nel terrapieno che c’è tra la strada e il muretto di recinzione delle case, situate appunto sulla sinistra della via Nazionale Nord. Sul posto per i rilievi i carabinieri di Argenta, oltre al personale sanitario.

Pubblicato su La Nuova Ferrara